Escursioni e trekking nella natura incontaminata

Attraverso boschi  e sentieri, per respirare profumi ormai dimenticati.

L’Atlantic Park Hotel di Fiuggi ha elaborato una serie di proposte “trekking” che si adattano ad ogni grado di esperienza ed abilità dei nostri ospiti.

L’obiettivo è quello di mostrare con dei percorsi trekking le meraviglie del nostro territorio e di vivere una esperienza “open air” emozionante ed in totale sicurezza.

trekking iall'aria aperta in ciociaria

Per questo ci siamo rivolti ad esperti dell’escursionismo, professionisti in grado di guidare i nostri ospiti in qualsiasi percorso, guide esperte del territorio capaci di rendere questa esperienza unica ed indimenticabile.

La cornice ideale è costituita dai nostri boschi e dalle nostre montagne, dai sentieri che si inerpicano sulle colline mostrando panorami mozzafiato, dalla vista di torrenti e fiumi, freschissime oasi naturali ricche di ombra e di incontri emozionanti.

https://youtu.be/w7pPjLX_1JM

Gradi di difficoltà trekking:

T Turistico: comprende itinerari comodi, ben segnalati che si sviluppano di solito al di sotto dei 2.000 metri e con un dislivello massimo di 500 metri.

E– Escursionistico: comprende itinerari dal fondo più o meno sconnesso, pendii ripidi a volte su terreno aperto ma con segnalazione adeguata.

EE– per Escursionisti Esperti: comprende itinerari segnalati ma che richiedono una certa agilità di movimento su terreno impervio, tratti rocciosi a quote anche elevate (pietraie, pendii aperti).

EA– per Escursionisti Esperti con Attrezzatura: comprende itinerari di tipo EE, ma che richiedono l’uso di dispositivi di autoassicurazione (imbracatura e kit da ferrata).

T : (adatto a tutti)

  • Passeggiata lungo le sponde del fiume Aniene: si può arrivare fino sotto al paese di Jenne dove si trova l’ingresso delle grotte dell’Inferniglio, accessibili solamente in corda La passeggiata dura circa 3 ore. Il terreno è comodo e pianeggiante, ottima escursione per potersi rilassare e allontanare dalla frenesia delle città.
  • Capo Rio: leggermente più faticoso del primo. Si parte da Collepardo (726 m s.l.m.) e si arriva alla quota di 804 s.l.m. Tempi di percorrenza: andata 40 minuti circa, ritorno 35 minuti circa. Essendo il dislivello minimo la passeggiata risulta piacevole, inoltre si possono ammirare durante quasi tutto il tragitto le due vette della Rotonaria e della Monna.
  • Quota 1000: Un sentiero che, tra boschi secolari e montagne mozzafiato, ripercorre le antiche vie di comunicazione che univano i deliziosi borghi medievali di Serrone, Piglio, Acuto e Fiuggi. Tutto il tratto, conosciuto localmente come sentiero “Quota -1000”, attraversa i Monti Ernici e si mantiene ad una quota costante fra gli 800 ed i 1000 metri sul livello del mare. Una percorso straordinario, parte integrante di quel Sentiero Europeo E1 che, attraversando l’intero continente, unisce Capo Nord con Capo Passero in Sicilia. Circuito ad anello, tempo di percorrenza:1,30 h.
  • Sentiero natura nei boschi di Fiuggi: Ritrovo via Lago di Canterno, il sentiero costeggia in un primo tratto il monte Monna del villaggio di Porciano, per poi entrare nei boschi di castagno secolari di Fiuggi, alternando docili vallate e leggeri dislivelli, per poi giungere al piazzale della fonte Anticolana, termine della passeggiata, tempo di percorrenza:1,30h

Leggermente più impegnativi dei percorsi precedenti:

  • Fiume Cosa:Si parte da Guarcino a 625 m s.l.m e si arriva alla quota di 1170 m s.l.m. Tempi di percorrenza: andata 1 h e 30, ritorno, 1 h. Si raggiunge prima l’eremo di S. Agnello percorrendo una strada comoda ma leggermente ripida, si prosegue poi verso la sorgente del Fiume Cosa. Uscendo dall’eremo la strada inizia ad immergersi in una bellissima faggeta tramite un sentiero inizialmente scosceso che poi si addolcisce fino ad arrivare alla sorgente. Grado di difficoltà diverso a seconda della stagione (adatto a persone con un minimo di allenamento, o con un pizzico di intraprendenza.
  • Capo Fiume: Si parte da Trisulti (710 m s.l.m.) e si arriva alla sorgente del fiume ad una quota di 920 m s.l.m. Tempi di percorrenza:andata, 1 h e 30 ritorno,  1 h e 30. I tempi di percorrenza dipendono dalla portata del fiume e quindi dalla stagione. Se la stagione è favorevole, l’escursione risulta molto divertente. Infatti quando la quantità dell’acqua raggiunge determinati livelli, il percorso diventa leggermente più difficoltoso, e questo aggiunge un pizzico di avventura all’escursione, il che non guasta.

E: escursionistico

  • Monte Rotonaria.:Si parte da Trisulti 835 metri  s.l.m. e si raggiunge la quota di 1750 metri con dislivello: 915 metri circa. Tempo di percorrenza:andata, 2 h e 15 circa ritorno, 1 h e 30 circa. Dall’Abbazia si entra nel bosco di querce secolari, dopo circa 30 minuti si arriva a Vado di Porca. E’ il taglio di uno sperone di roccia per consentire il passaggio di una strada antica che collegava il bacino del fiume Cosa al bacino del fiume Liri. A circa 30 minuti da Vado di Porca si arriva a Colle del Vomero tra faggi e ginepri. A  questo punto il sentiero si fa più impegnativo dandoci  però la possibilità di ammirare alle nostre spalle i monti  Bello  (1796 metri), Ginepro (2004 metri) e poco più in lontananza  Passeggio (2064 metri) e Fragara (2005 metri).  Siamo ormai nel bosco Faito. Dopo circa dieci minuti dal Colle del Vomero ecco il sentiero svoltare a sinistra – anche qui attenti a non andare dritti – costeggiare vecchie carbonaie, e dopo un altro quarto d’ora percorrere una brevissima discesa. Il tratto più duro è ormai alle spalle! Il sentiero, da qui in poi, si fa meno scosceso, costeggia, fino al limitare del bosco, un fosso prima a destra e poi a sinistra, attraversa un’ampia radura costellata da spinosissimi cardi per   arrivare alla splendida Sella Faito. (60 minuti da Colle del Vomero). Al di là si scende nella Val Roveto. C’erano strade e da lì venivano il brigante Chiavone e la sua banda che tra quelle rupi si rifugiavano, dove tra gli ultimi faggi che vedi arrampicarsi su Pratelle il brigante fu fucilato a tradimento. E lì, prima di Chiavone c’erano stati Fra Diavolo e Gasparone. Strade di contrabbandieri e mercanti quando oltre l’ultima cresta era Regno delle due Sicilie e al di qua Stato Pontificio.
  • La Monna: Si parte da Campocatino a 1793 metri s.l.m. e si arrivava sulla Monna ad una quota di 1952 metri s.l.m. dislivello 300 metri. Tempi di pecorrenza: andata: 2h e 30 circa, ritorno: 2h e 30 circa. Dal parcheggio di Campocatino si prosegue verso Monte Vermicano (1948 metri s.l.m.). Dopo aver superato gli impianti di risalita si sale verso la sella tra Peschio della Cornacchia e Monte Pozzotello, si continua verso un sentiero in discesa fino a Fonte Pozzotello. Da qui si possono ammirare il monte Crepacuore il Viglio e altri ancora. Una serie di saliscendi a cavallo tra la Valle dell’Agnello e lo Iubero dell’Ortara ed eccoci in vista del Passo del Diavolo. Dopo una breve discesa riprendiamo il sentiero arrivando, in cinque minuti, alla sella tra monte Fanfilli e monte Monna, inizio della salita finale per la vetta di quest’ultima. Da qui prendendo il sentiero in discesa verso sinistra si arriva a Sella Faito in circa 20 minuti. Noi, invece, proseguiamo dritti verso la nostra meta. Una  breve  serpentina  tra  gli aguzzi sassi, l’incredibile panorama, camminando sulle spettacolari pareti  rocciose  a  strapiombo sulla Macchia di Vico per arrivare finalmente alla vetta.

trekking-ciociaria-fiuggi-frosinone-sport

Esperienze a contatto con una flora ed una fauna ancora magicamente vera, vieni equipaggiato con un paio di calzature da trekking, abbigliamento comodo e tantissima curiosità al resto pensiamo noi!

Scopri i nostri pacchetti trekking

– soggiorno di 2 notti venerdì e sabato con trattamento di pernottamento e prima colazione

– accesso spa il venerdì dalle 14:00 alle 23:30 con utilizzo della piscina interna con idromassaggi, docce   emozionali, aree relax e a metà serata sorpresa gastronomica

– accesso spa il sabato dalle 9:00 alle 20:00 con utilizzo della piscina interna con idromassaggi, docce emozionali, aree relax e della piscina esterna

– utilizzo della piscina esterna estiva (da giugno a settembre) e del solarium

– kit benessere incluso (telo, accappatoio e ciabattine)

– free WIFI in tutta la struttura

– trekking, sabato mattina nei sentieri natura in Ciociaria con guida, verrà fornito uno snack  con acqua di Fiuggi

– Risveglio muscolare benessere domenica mattina nel parco con istruttore (da giugno a settembre)

2 notti di Venerdì e Sabato: € 279,00 in camera doppia

2 notti di Venerdì e Sabato: € 140,00 in camera singola

L’escursione sarà confermata con un minimo di 4 adesioni

Richiedi informazioni
o  telefona allo 0775514065

Facebook
Instagram

Vantaggi esclusivi per chi prenota sul nostro sito

 

♦ Migliore Tariffa Garantita

♦ Check - in Anticipato

♦ Sconto del 10% sui Trattamenti