Conosci il borgo di Fumone? Alle porte della Ciociaria, nella prigione di Celestino V

Continuiamo il nostro viaggio alla ricerca dei borghi più particolari e misteriosi che solo la nostra splendida Italia sa regalarci.

Dopo avervi parlato di borghi fantasma e cittadine medievali abbandonate, oggi è il turno di raccontarvi una storia che ci riporta al Medioevo, un racconto pieno di intrighi, un noir fatto di battaglie e prigionie, ricco di personaggi che hanno fatto la storia del nostro paese.

Uscendo da Roma e percorrendo la strada che ci porta a sud, alle porte della Ciociaria, su un picco impervio e maestoso si erge il borgo di Fumone, sovrastato dalla sua storica rocca, che mille battaglie ha visto nel corso dei secoli.

La storia di Fumone

Già in epoca preromanica il monte dove sorge il Borgo di Fumone era presidiato da avamposti e guarnigioni di guerrieri che utilizzavano quella posizione strategica per controllare i traffici di un’area molto vasta. Con l’avvento dei Romani, in lotta per la conquista dei territori a sud di Roma, Fumone divenne sede di guarnigioni di soldati romani con l’obiettivo di controllare tutto il territorio che da Roma conduce a sud, dal colle infatti si vede nitidamente fino all’attuale città di Capua.

La posizione di Fumone tornò ad avere una sua importanza strategica con la caduta dell’impero Romano, allorquando l’intera Italia fu scossa da secoli di  guerre e da invasioni barbariche. A partire dal X secolo il borgo di Fumone fu arricchito con una Rocca che ha avuto nel corso dei secoli una doppia funzione, bastione difensivo e prigione.

Nel 1295 Fumone è testimone di un evento eccezionale, per volere di Bonifacio VIII, fu imprigionato nella rocca, Celestino V il primo papa della storia ad “abdicare” ed autore del “gran rifiuto”.

Nel 1296, forse a seguito di torture e stenti, Celestino V morì e consegnò alla storia la rocca di Fumone.

Nel 1595 la rocca di Fumone passò tra le proprietà della famiglia aristocratica romana dei Longhi che iniziò la trasformazione del maschio in Castello con una dimora gentilizia. La famiglia dei Longhi curò moltissimo l’aspetto del castello arrivando alla costruzione di imponente giardino pensile, tuttora visitabile.

Cosa vedere

Il borgo medievale di Fumone è tuttora dominato dal Castello Longhi- De Paolis che tramanda storie e curiosità tutte da approfondire.

Il paese, stretto attorno al suo castello, è un esempio mirabile di architettura medievale, è interamente visitabile ed i suoi vicoli ospitano piccoli Bed & Breakfast nei quali si respira l’aria della storia.

All’interno della cinta muraria, tra uno scorcio ed un piccolo vicolo è possibile visitare due mirabili chiese del XIV e del XV secolo e dai giardini esterni si gode di un panorama mozzafiato.

La visita al Castello riserva sorprese e curiosità che non stiamo a svelare perché meritano di essere vissute in prima persona.

Castello di Fumone

Scendendo dal Castello di Fumone, non potete perdervi una sosta a bordo lago, nella riserva naturale del lago di Canterno https://tinyurl.com/yx27dttd

Dopo la sosta al lago non vi resta che incamminarvi sulla strada di Fiuggi Terme e in pochi minuti sarete di nuovo all’Atlantic Park Hotel dove vi aspetta un momento rigenerante nella nostra spa, Aquae la spa di Fiuggi.

Dopo una giornata ricca di storia non c’è nulla di meglio di un massaggio rilassante e di una biosauna rigenerante.

E a sera una cena indimenticabile nel nostro parco esterno, a bordo piscina, con le delizie pensate per voi dal nostro chef.

Foto: Pagina Facebook Pro Loco Fumone

Leave a comment

Facebook
Instagram

Vantaggi esclusivi per chi prenota sul nostro sito

 

♦ Migliore Tariffa Garantita

♦ Check - in Anticipato

♦ Sconto del 10% sui Trattamenti